1.10.23

Yes, Sweden...

TORNA ANCHE QUESTA domenica Doonesbury di Garry B. Trudeau, che in particolare lavora sul personaggio di Red Rascal e soprattutto su quello del suo ideatore e alter ego Jeff Redfern. È un modo per dare più spessore alla storia di Jeff e, forse, anche per far passare un messaggio: l'America si sta stufando della guerra in Ucraina?

E poi, come sempre con una finezza politica che mette Trudeau in una classe completamente a se stante rispetto da quella di chi di solito fa fumetti per i giornali, c'è anche un altro piano di lettura. Red Rascal viene mandato in una squadra tutta al femminile di piloti di droni svedesi. La scelta del Paese che si sta preparando a entrare nella Nato, se in autunno ci sarà l'approvazione finale di Ungheria e Turchia, non è casuale ma neanche esplicita. È solo realistica. E storicamente significativa: un piccolo segno che dà più profondità al lavoro di Trudeau e che rimarrà nel tempo.



24.9.23

I saw nothing, sir.

COME TUTTE LE domeniche, anche da Budapest, torna Doonesbury di Garry B. Trudeau. Sempre Donald Trump, sempre la passione per il golf, e poi una domanda ingenua per mostrare il re nudo. E non solo, anche per chiedere (in realtà la vera domanda, nascosta sotto gli occhi di tutti) perché la base elettorale continua a credere anche rifiutando quello che ammette lo stesso Trump. Incredibile ammettere non solo l'enormità di quello che il personaggio è riuscito a raggiungere, ma anche la pochezza con cui c'è riuscito.

Money quote: "Oh... sorry, sir. I didn't mean to imply you were an idiot".






17.9.23

No, no, it's just styro-foam.

TORNA COME OGNI domenica Doonesbury di Garry B. Trudeau. Questa volta siamo in piena epopea del costume americano, un modo per disegnare il quadro di come una parte dell'America che supporta Donald Trump percepisca il corso degli eventi (e l'assalto al Campidoglio) ma soprattutto la possibilità velatamente e implicitamente allusa che Trump possa vincere le prossime elezioni.




10.9.23

And we have video?

COME OGNI DOMENICA torna Doonesbury di Garry B. Trudeau. Questa volta il tema è centrale: le elezioni presidenziali e le primarie del GOP, con i Repubblicani che corrono per la carica di vicepresidente nell'inevitabile ticket Trump+1.



3.9.23

Relax girl, we got your back!

TORNA ANCHE QUESTA domenica Doonesbury di Garry B. Trudeau. Una domenica in cui per caso sono molto vicino al palcoscenico preferito dall'autore americano, perché sono nei dintorni di Washington DC, dove viene messa in scena la politica americana. E questa domenica si gioca con il filo della memoria, con le lettere ai lettori e con il cast di personaggi di questa straordinaria opera corale che mostra una parte d'America e la sua pancia sempre in movimento.


 

27.8.23

My drop was so epic!

UN GARRY B. Trudeau nostalgico, non c'è altro modo per definire la tavola di Doonesbury di questa domenica, che racconta come si possa continuare a invecchiare bene, tenendo alto quel che è stato importante un tempo e rimanendo coerenti con se stessi. Zonker lo è con il surf e lo è anche Trudeau.  



20.8.23

A DeSantis classroom.

CERTO CHE VISTA dall'Italia l'America sembra strana e distante, quasi un fumetto. Ma se quel fumetto è Doonesbury di Garry B. Trudeau, sembra qualcosa di ancora più strano. Questa domenica, una politica che mostra non solo come la dialettica televisiva sembri sempre plausibile in assenza di un dibattito sensato, ma come la scuola cambi le generazioni di persone in un contesto sempre più estremizzato.


 

13.8.23

Blam! Blam!

COME OGNI DOMENICA torna Doonesbury e questa volta Garry B. Trudeau, che segue ormai da decenni i reduci delle guerre americane, segnala una nuova terapia per la Til Disturbo da stress post-traumatico: si chiama RTM e nella vignetta c'è anche il link per informarsi e aderire.




6.8.23

I heard it was July!

QUESTA DOMENICA TORNA come sempre Doonesbury e Garry B. Trudeau gli fa fare un servizio civico molto importante: mette in fila tutte le date dei vari appuntamenti in tribunale di Donald Trump. È fondamentale avere questo quadro davanti perché sarà un periodo estremamente complesso per la democrazia americana e le tattiche dilatorie in tribunale sono un classico: distrarre, distrarre, distrarre. 

E poi, ovviamente, propone a tutti di godersi lo spettacolo e dà il buon esempio nel più classico dei modi: con i pop-.corn.



30.7.23

Sounds about right.

DOONESBURY TORNA QUESTA domenica con una singolare critica di Garry B. Trudeau che sposta il terreno di gioco in quello politicamente complesso della destra americana di ispirazione religiosa. Che è decisamente oltre l'ispirazione da cui trae origine.



23.7.23

Poor thing...

TORNA COME TUTTE le domeniche, anche quella da Milano, Doonesbury. Questa volta Garry B. Trudeau torna a bussare alla porta di Donald Trump e mette in scena il debito pubblico, usato in chiave anti-Biden per far capire quanto l'ex presidente al di là di tutto giocasse sporco.


 

16.7.23

Ha! Just genius!

TORNA COME OGNI domenica (anche coreana) Garry B. Trudeau con il suo Doonesbury. 



9.7.23

Woke!

ANCHE QUESTA DOMENICA giapponese ha sempre il suo Doonesbury di Garry B. Trudeau. 



2.7.23

And it shows.

QUESTA DOMENICA GARRY B. Trudeau con Doonesbury ci porta in ospedale a vedere quali sono le considerazioni al femminile sulla vita e l'età e come mettano in un angolo tante altre cose. Un momento di empatia e umanità: raramente un autore maschio si muove così tra personaggi femminili.




25.6.23

Ability to pay. Yes sir.

COME OGNI DOMENICA torna Doonesbury con il suo Garry B. Trudeau che questa volta non solo parla di cronaca e del sistema educativo americano, ma apre il fianco per un nuovo ciclo a Walden, il college dei nostri eroi.



18.6.23

Sam? Dad?

TORNA COME OGNI domenica Doonesbury di Garry B. Trudeau che questa volta ci guida sia nel mondo delle nuove professioni online per i giovani che nelle relazioni genitori-figli.