23.6.24

Lookin' good!

COME QUASI OGNI domenica torna Donald Trump, ormai personaggio fisso in un ocrtocircuito militante in vista delle prossime elezioni, di Doonesbury, la striscia politico-umoristica-sociale di Garry B. Trudeau. Gli sviluppi seguono la cronaca, riassumono la storia, preparano al futuro. Tanta roba.


 

16.6.24

Fema camps?

SIAMO DI NUOVO arrivati a una domenica. La tensione per la campagna elettorale delle presidenziali è costante, ma Garry B. Trudeau con Doonesbury nel suo microcosmo alza e abbassa il livello con maestria. Aggiungendo questo surreale e paradossale racconto di come la realtà sia all'opposto a seconda di chi la vede.


  

9.6.24

Trust me.

COME OGNI DOMENICA torna Doonesbury di Garry B. Trudeau. E mentre da noi le destre impazzano alle elezioni, in America invece il racconto verte sulle proteste e il ricordo di com'era andare al college, ua volta. Dopotutto la striscia di Doonesbury è nata così, negli anni Settanta, la contestazione e i tempi del college di lusso (Yale) del suo creatore. Oggi quell'eredità dov'è finita? Un altro "giorno della marmotta" per chi ha ancora la memoria per ricordarlo.



2.6.24

Carry on.

LA BATTAGLIA PER le elezioni si accende. Come tutte le domeniche Garry B. Trudeau ci racconta qualcosa di unico, complesso, articolato, con il suo Doonesbury. È la volta (nuovamente) della demenza di Trump e del cinismo della sua base elettorale.

 

26.5.24

Not funny.

TORNA ANCHE QUESTA domenica, come sempre, Doonesbury di Garry B. Trudeau. La campagna elettorale va avanti, si fa un po' di pulizia tra le fila dei democratici rimettendo in pista anche covid e morbillo (malattia esantematica per la quale ci sarebbe un vaccino).



19.5.24

Mike! Mark!

COME OGNI DOMENICA torna Doonesbury di Garry B. Trudeau. Questa volta è un po' particolare, perché c'è la reunion dei personaggi principali della strip in occasione di un rally democratico. La sensazione è proprio quella: storie che non si erano incrociate per un sacco di tempo che adesso si riavvicinano. È agrodolce, proprio come dev'essere, proprio com'è.



12.5.24

Ready?

ANCHE QUESTA DOMENICA torna Doonesbury di Garry B. Trudeau, con la crisi dell'economia americana per le classi medie, che sono diventate il fanalino di coda. E l'ombra di Donald Trump, che è il mammauro di questa fase intermedia prima del risultato delle elezioni.



5.5.24

He'll catch up.

COME TUTTE LE domeniche Doonesbury torna a raccontarci questa volta le emozioni che si provano a essere giovani genitori (soprattutto FOMA, direi). 

Garry B. Trudeau riesce a sfiorare temi come bullismo e crescita con la sua consueta abilità di unire più piani diversi. Uno straordinario affresco sociale.



28.4.24

Yes, Sir! Right away!

TRUMP STA MALE, anzi, è un demente. Nel senso che ha una forma di demenza. Garry B. Trudeau questa domenica con il suo Doonesbury ci va giù pesante. Negli Usa la battaglia per le elezioni si sta infuocando.

 

21.4.24

Here we go...

DOONESBURY SI METTE comodo e ricorda una vecchia storia. Come ogni domenica Garry B, Trudeau ci porta a spasso nella storia e nel costume americani ma anche nella vita dello straordinario cast di personaggi che ha saputo creare. Con i loro sogni e le loro avventure e le loro idiosincrasie. Basta un trafiletto di giornale, per dire che il governo americano ha dichiarato che gli alieni non esistono, per far tornare a galla vecchi ricordi.


 

 

14.4.24

You mean "vote"?

ANCHE QUESTA DOMENICA torna Donald Trump attraverso Doonesbury di Garry B. Trudeau. Una festa in vista delle elezioni. L'America comincia a raccontarsi una profezia che potrebbe autoavverarsi. 



7.4.24

The bun is my hair.

ANCHE QUESTA DOMENICA torna Doonesbury di Garry B. Trudeau che ci offre la visione cristologica di Donald Trump. E che visione.



31.3.24

Conflict of interest?

CON UNA VIGNETTA apparentemente innocua e narrativa, grazie a Doonesbury questa domenica Garry B. Trudeau non solo ci mostra l'aspetto che tendiamo a non vedere di Hamas, ma anche i conflitti di interessi che parte dell'Occidente ha costruito nel tempo. 




24.3.24

Entirely different discussion.

L'UOMO È UNA creatura razionale, dice Garry B. Trudeau. E questa domenica Doonesbury discute superstizione e religione, anche se nel sottofondo parla sempre di politica. È difficile costruire una forma di autorità morale o distinzione filosofica tra quello che ha senso oppure no. La religione è superstizione o una credenza? E Donald Trump è un bullo e truffatore?




17.3.24

Whew.

COME TUTTE LE domeniche torna Doonesbury di Garry B. Trudeau con una tavola sociale di alleggerimento rispetto alle tematiche elettorali, che accarezza quasi con dolcezza le contraddizioni fra nuovi modi di vedere e quelle legate alle tradizioni. Anche perché la nascita di figli in una giovane famiglia lega il nuovo al desiderio di seguire le tradizioni di un tempo.





10.3.24

Come to papa!

CI SIAMO, PRATICAMENTE Garry B. Trudeau sta entrando a tutta velocità in campagna elettorale per le presidenziali e questa domenica Doonesbury diventa una gioiosa macchina da guerra, a partire da Rascal. Non promette bene,. Vedremo a novembre.